Ringiovanire senza bisturi

CHIRURGIA NON ABLATIVA Fermare il tempo e ritornare giovani e’ senza dubbio il sogno di tutti, soprattutto quando questo si puo’ fare senza l’ uso del bisturi. Oggi la tecnologia sta facendo passi da gigante nel campo della chirurgia estetica, con l’ immissione in commercio di alcune apparecchiature che permettono di effettuare interventi senza bisturi, senza alcuna incisione, senza sanguinamento e addirittura senza anestesia: è la Chirurgia non Ablativa. È un trattamento completamente soft che, come dicevamo non necessita neppure di un’ anestesia locale. Solo in alcuni casi e in persone particolarmente sensibile è possibile applicare sulla zona da trattare una crema anestetica. PLEXR Uno di questi strumenti è il PLEXR, un apparecchio che permette di effettuare interventi sul volto e sul corpo, senza incidere i tessuti senza punti di sutura e praticamente senza anestesia.
Che cos’è il PLEXR? È un apparecchio che sfrutta la ionizzazione dei gas presenti nell’aria per generare un piccolo arco elettrico, paragonabile ad un piccolissimo fulmine, che agisce a livello epidermico, creando una sublimazione delle cellule stesse dell’epidermide, che vengono praticamente vaporizzate permettendo una retrazione dei tessuti sottostanti. Il calore generato viene trasmesso solo dove serve, senza interessare i tessuti circostanti per cui è possibile per esempio curare una lesione palpebrale, senza minimamente interessare l’ occhio ecc. Numerosi sono i campi di applicazione del PLEXR:
Blefaroplastica non ablativa.
Lifting epdermico non chirurgico del viso e del corpo.
Asportazione fibromi, nevi,verruche, cheloidi, xantelasmi, discheratosi.
Rimozione tatuaggi di qualsiasi colore.
Rimozione di cicatrici post acneiche e non…
Trattamento delle strie distense periombelicali.
Onfalo lifting.
Trattamento acne.
Rughe frontali e peri-oculari (zampe di gallina).
Macchie cutanee.
BLEFAROPLASTICA NON ABLATIVA La blefaroplastica non ablativa, effettuata mediante il PLEXR, è una tecnica innovativa che produce un accorciamento della cute in eccesso delle palpebre, senza dovere incidere per asportarla e senza modificare il muscolo orbicolare delle palpebre. Si effettua senza anestesia o al massimo si usa un pomata anestetica a base di lidocaina. Per questo intervento, si usa la tecnica a “spot”. Dopo aver disinfettata la palpebra (Benzalconio cloruro), si effettuano dei piccoli spot con uno specifico manipolo del PLEXR. Questi spot , che vengono fatti con un disegno particolare, cioe ‘ una serie di triangoli, vengono indirizzati solo sulla parte alta delle pieghe di cute eccedente, provocando la sublimazione delle cellule dell’epidermide palpebrale che porta a sua volta ad un accorciamento della cute e un appianamento delle pieghe stesse. Durante il trattamento il paziente viene invitato ad aprire e chiudere gli occhi (blefaroplastica dinamica), al fine di individuare meglio le pieghe e quindi trattare solo la cute eccedente ed evitare un eventuale eccesso di rimozione. Terminato il trattamento, il paziente non necessita di alcuna medicazione né di terapia anatibiotica. Le crosticine che si formano rimangono per 2-7 giorni circa. Non vi sono ecchimosi ed il post-operatorio dura al massimo una decina di giorni. Per un trattamento completo si effettuano , a seconda del caso, da 2 a 4 sedute distanziate sempre di 4 settimane l’una dall’altra. A volte puo’ comparire un modesto edema palpebrale, in genere in seconda giornata, che si risolve spontaneamente in 2-3 giorni. Il risultato ottenuto si mantiene per anni e spesso è definitivo. La blefaroplastica non ablativa è indicata in tutti coloro che desiderano migliorare l’ estetica del proprio viso senza andare incontro ai rischi di un’ anestesia e alle possibili complicanze di un intervento chirurgico: cicatrici ipertrofiche, cheloidi, lagoftalmo, asimmetrie varie. Il trattamento è senza ricovero e, rispetto ad una blefaroplastica chirurgica classica, i tempi post operatori sono nettamente ridotti, la ripresa funzionale è quasi immediata e i costi sono nettamente abbattuti di circa i 70% con uno splendido risultato estetico e funzionale.
XANTELASMI Sono delle formazioni giallastre che tendono ad invadere sia le palpebre superiori che quelle inferiori. Anche se sono formate da accumuli di colesterina, non esiste nessun nesso tra la loro formazione ed un’ eventuale ipercolesterolemia. Trattate con la chirurgia tradizionale, o con altre metodiche (TCA ecc.) esse tendono in genere a recidivare presentando a volte delle complicanze che possono essere a volte anche gravi: inestetiche cicatrici, ectropion ecc. Trattati con la Chirurgia non Ablativa, mediante il Plexr, si hanno in poco tempo dei risultati eccellenti, senza nessuna complicanza o effetti collaterali indesiderati. Anche in questo caso non c’è bisogno di alcuna anestesia, non si avranno sanguinamenti e quindi nessun tipo di cicatrice. Non è inoltre necessario alcuna medicazione, tranne l’utilizzo di un collirio a base di benzalconio cloruro per disinfettare la parte. Finito il trattamento, il paziente puo’ riprendere la propria attivita’senza alcun problema. Puo’ essere presente un lieve rossore che comunque scomparira’ dopo qualche ora. Dott. Framcesco De Natale Chirurgo Plastico Estetico

Articolo del 02/02/2017

MiaEstetica.it © - P.iva 02869380549