Le 8 regole dŽoro per FILLER o BIOSTIMOLAZIONE in sicurezza

I trattamenti estetici meno invasivi stanno ormai superando le procedure chirurgiche, come confermano i dati della American Society of Aesthetic Plastic Surgery, e l´Italia è uno dei paesi nei quali si effettuano un numero maggiore di tali procedure.

Data la vasta gamma di prodotti attualmente disponibili in tutto il mondo la decisione di quale. quando e perché utilizzare un filler deve essere affidata ad una buona conoscenza di questi prodotti oltre ad una solida conoscenza delle tecniche di impianto ai fini di un buon risultato correttivo del volto. Capire i processi di invecchiamento è cruciale per il raggiungimento di risultai ottimali.

Le cosiddette "PUNTURINE", parola sussurrata fra amiche, non è un gesto banale eseguito da chiunque. Il fatto che non si debba entrare in sala operatoria o che si possano fare durante la pausa pranzo, non deve far pensare che non si tratti di un atto medico.

 

1) Rivolgersi a medici che abbiano una formazione specifica presso Società Scientifiche del settore. 2) La prima volta che il medico vede la paziente deve redigere una cartella clinica con dati anamnestici generali, riguardanti eventuali patologie pregresse o in atto e specifici come precedenti impianti di fillers o altri trattamenti sul volto. 3) Il medico deve osservare il tipo di pelle e i suoi problemi. Sarebb opportuno effettuare un check-up cutaneo. 4) Una volta fatta la diagnosi, si concorda con la pz. il tipo di trattamento idoneo. 5) Prima di procedere all´impianto, è necessario fare delle foto per confrontare i risultati ottenuti post seduta. Generalmente le pz dimenticano come erano "prima". 6) Consigli post filler: non esporsi al sole o a lampade abbronzanti e proteggere la pelle con uno schermo solare 50+. 7) Il medico ha l´obbligo di far firmare il consenso informato nel corso della visita e alla fine della procedura deve consegnsre al pz l´etichetta di tracciabilità del prodotto che ha iniettato. 8) Un impianto di filler ha un costo medio di 300 - 400 Euro. I pz devono diffidare di prezzi troppo bassi. Gli acidi ialuronici di bassa qualità e quindi a basso costo non sono ben purificati e contengono rilievanti quantità di BDDE, agente chimico che può dare reazioni infiammatorie importanti. In conclusione è fondamentale affidarsi a mani esperte e personale medico qualificato. Leggete attentamente i curricula.

Articolo del 10/11/2018

MiaEstetica.it © - P.iva 02869380549